Accetto!

Questo sito utilizza i cookie di terze parti per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo. Cookie Policy

Caricando...

Le Rose Botaniche

Rosa x alba semiplena

Le Rose Botaniche, definizione: "sono tutte le rose di origine naturale o che sono nate da una ibridazione singola avuta in natura."

Le Rose botaniche non sono altro che le rose selvatiche, le capostipiti di tutte le altre. Queste specie esistono probabilmente da molto prima dell'avvento dell'uomo sulla terra, tuttavia viene segnalata una data che si riferisce o al momento della scoperta o più realisticamente a quello della classificazione della pianta.

Le Rose botaniche possono essere molto profumate (come per es. la Rosa alba della foto), o non esserlo per nulla, sono spesso invadenti e di solito molto robuste e resistenti alle malattie. Sono originarie di quasi ogni regione del mondo e per questo possono avere caratteristiche e peculiarità diverse fra loro, pur mantenendo invariata la forma del fiore, di solito a 5 petali e la produzione di bacche (Cinorrodi) di forma a volte elittica a volte tondeggiante, quasi sempre rosse a maturazione, a volte nere (come in R.pimpinellifolia). I frutti hanno spesso proprietà vitaminiche molto elevate e vengono anche usate per produrre marmellate, questi frutti ed anche i petali vengono usate in erboristeria.

In linea di massima possiamo dire che la caratteristica della ripetizione della fioritura ci è stata regalata dalle R.chinensis, le specie orientali, dalle quali abbiamo anche ereditato il colore giallo, che non era presente in quelle occidentali fino ad allora. L'ibridazione, a volte avvenuta anche spontaneamente in natura, fra specie di origini diverse ha dato vita a rose sempre più complesse e con capacità molteplici. L'ibridazione da parte dell'uomo però ha influenzato l'evoluzione naturale del fiore: inizialmente la ricerca ha creato un fiore molto più grande, poi con molti più petali, quindi di molti più colori ed infine rifiorente!

Ma ecco che si era perso un pò per strada un tassello importante, per chi ama le rose, il profumo, sacrificato involontariamente sull'altare della rifioritura (ed anche la resistenza alle malattie aggiungerei..). Certo, non sempre mancava, alcune cultivar lo conservavano, ma erano sempre meno. La rosa che ci immaginiamo oggi, ha un aspetto totalmente diverso da quella della foto, le rose che usiamo da reciso per i mazzi di fiori sono i cosidetti Ibridi di Tea, quelle da cui originarono tutte le rose moderne.