Accetto!

Questo sito utilizza i cookie di terze parti per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo. Cookie Policy

Caricando...

La Clematis

Clematis EmpressFamiglia: Ranunculaceae
Genere: Clematis / sin. Atragene
Nome comune: Clematide
Etimologia: dal greco klema-atos, tralcio di vite.

Genere di più di 200 specie di sempreverdi o decidue, perlopiù da semilegnose a legnose, con piccioli volubili, e erbacee perenni a base legnosa originarie di entrambi gli emisferi dall'Europa all'Himalaia, alla Cina, all'Australia, all'America settentrionale fino all'America centrale.

Esistono più di 400 cultivar perlopiù a fiori grandi. Il portamento e la forma delle foglie variano in base alle varie tipologie in cui sono incluse perenni erbacee a crescita bassa, piante scandenti o arbusti ricadenti e rampicanti che raggiungono altezze di 10/15m.

Le foglie opposte, talvolta alterne, con o senza peluria, sono semplici, tripalmate o pennate o bipennate, con margine da intero a irregolare. I fiori, perlopiù bisessuali, raramente unisessuali sbocciano singolarmente o in cime fiorali o in pannocchie. Hanno 4/10 sepali (spesso detti petali) e variano in forma e dimensione. Ai fiori fanno seguito delle capsule ornamentali, filamentose di color grigio argento. Alcune, come in C. recta sono profumate.

Le specie rampicanti aderiscono alla pianta ospite o alla struttura di supporto tramite i piccioli; sono adatte per rivestire dei muretti, pergolati, graticci, o si possono coltivare a ridosso di grandi arbusti o piccoli alberi.

Le specie erbacee in bordure miste o di erbacee.

Le clematidi possono essere divise in tre gruppi, in base alle esigenze colturali:

GRUPPO 1
Specie a fioritura precoce - I fiori sbocciano in inverno o ad inizio primavera sui getti dell'anno precedente. Preferiscono luoghi riparati, in pieno sole e terreni ben drenati. Le foglie sono sempreverdi e lucide o decidue e, generalmente, sono composte da 3 foglioline che possono essere lanceolate e lunghe fino a 12cm, o semplici, o oblunghe o simili a felci lunghe 5cm. I fiori sono singoli a campanula aperta lunghi 2/5cm, o a piattino larghi 4/5cm. Da rustiche a quasi rustiche.

C. alpina, C. macropetala e le loro cultivar - I fiori sbocciano in primavera sui getti dell'anno precedente o raramente in estate sulla nuova vegetazione. C. alpina e le sue varietà sono ideali per luoghi molto freddi. Sono decidue, hanno foglie di colore da verde chiaro a verde, lunghe 3/5cm, con 3/5 foglioline dentate da lanceolate a largamente oblunghe. I fiori sono singoli, semidoppi o doppi a campanula o a campanula aperta, larghi 3/7cm. Dall'estate all'autunno si sviluppano delle capsule ornamentali. Da rustiche a quasi rustiche.

C. montana e le sue cultivar - I fiori sbocciano a tarda primavera sui getti legnosi dell'anno precedente. Sono piante rampicanti decidue robuste adatte a essere coltivate a ridosso di grandi alberi o di costruzioni. Le foglie di colore da verde-porpora a verde sono lunghe 5/8cm, con 3 foglioline lanceolate col margine appuntito. I fiori generalmente singoli, sono perlopiù da appiattiti a forma di piattino larghi 5/7cm. rustiche.

GRUPPO 2
Cultivar a fiori grandi, precoci o di mezza stagione - I fiori sbocciano a tarda primavera e inizio autunno sui getti laterali dell'anno precedente, da metà a fine estate sugli apici della nuova vegetazione. Le foglie sono decidue, di colore da verde chiaro a verde, generalmente sono lunghe 10/15cm, e composte da 3 foglioline ovate o lanceolate o semplici e ovate. I fiori sono eretti, singoli, semidoppi o doppi e perlopiù a piattino larghi 10/20cm. Da rustiche a quasi rustiche; forti gelate possono danneggiare gli apici vegetativi precoci.

GRUPPO 3
Cultivar a fiori grandi, tardivi - I fiori sbocciano in estate e inizio autunno sulla nuova vegetazione. Le foglie sono decidue, di colore da verde chiaro a verde, lunghe perlopiù 10/15cm, o con 3 foglioline ovate o lanceolate o sono semplici e ovate lunghe fino a 10cm. I fiori sono singoli rivolti verso l'esterno e generalmente a piattino, larghi 7/15cm. Rustiche.

Specie a fioritura tardiva e cultivar a fiori piccoli - I fiori sbocciano in estate e inizio autunno sulla nuova vegetazione. Le foglie sono decidue da verde chiaro a scuro o grigio-verde, lunghe 2/15cm o pennate o bipennate con foglioline lanceolate oppure sono semplici e lanceolate. I fiori singoli o doppi a piattino, a stella, a campanula, a campanula aperta, a tulipano o tubulari, larghi 1/10cm. Da rustiche a quasi rustiche.

Specie erbacee e cultivar - I fiori sbocciano da metà estate a fine autunno sulla nuova vegetazione. Sono adatte per bordure inframmezzate con perenni. Le foglie, da verde scuro a verde o grigio-verde, da semplici e lanceolate a ovate o cordate, lunghe 2,5/15cm, alcune col margine dentato; oppure sono lunghe 2,5/8cm con 3/5 foglioline da lanceolate a ovate. I fiori singoli sono o a piattino larghi 1/2cm o campanulati o tubulari lunghi 1/4cm. Da rustiche a quasi rustiche.

LA COLTIVAZIONE
Coltivare in terreno fertile, ricco di humus, al sole o alla mezz'ombra con le radici e la parte basale della pianta all'ombra. Le specie erbacee prediligono il pieno sole. Pacciamare con composta o letame in decomposizione a fine inverno tutte le clematidi. Piantare le clematidi rampicanti con l'apice del pane di radici a circa 8cm al di sotto della superfice del suolo per ridurre il rischio di trachiomicosi e stimolare lo sviluppo di getti robusti a livello del suolo. Dopo aver piantato le rampicanti decidue potarle fino a lasciare 2 gemme robuste a circa 30cm dal suolo. Fornire un supporto per la crescita e inizialmente legare la pianta fino a quando non si arrampica da sola.

LA POTATURA
Gruppo 1 - le clematidi di questo gruppo si potano dopo la fioritura , eliminare gli steli avvizziti o danneggiati e accorciare gli altri fino a dove è possibile. Ciò favorirà l'avvento di nuova vegetazione che fiorirà l'anno successivo.

Gruppo 2 - eliminare gli steli avvizziti o danneggiati prima che inizi il periodo vegetativo, accorciare tutti gli altri steli fino a dove ci sono gemme robuste. Queste fanno da supporto per i getti del secondo anno che, a loro volta, sviluppano getti laterali che fioriscono a tarda primavera e inizio estate. I fiori possono quindi essere rimossi. Sui virgulti giovani i fiori sbocciano più numerosi in estate avanzata.

Gruppo 3 - potare a inizio primavera, prima della ripresa della crescita, gli steli degli anni passati lasciando solo un paio di gemme robuste a 20/30cm dal livello del suolo.