Accetto!

Questo sito utilizza i cookie di terze parti per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo. Cookie Policy

Caricando...

Il Kaki

Kaki (link per vedere le varietà)

Famiglia: Ebenaceae
Specie: Diospyros kaki

HABITAT. E’ originario delle regioni calde della Cina dalle quali più di un millennio fa è passato in Giappone trovandovi la più ampia diffusione colturale. Attualmente sta incontrando un certo interesse nei paesi dell’area mediterranea, in America meridionale e Oceania; in Giappone, al contrario, questa coltura ha subito un notevole
ridimensionamento. Il kaki è considerato una specie subtropicale anche se tra le cultivar esistono comportamenti ambientali diversi. E’ una pianta mediamente resistente alle minime invernali, sopporta anche -15°C, ma suscettibile ai forti venti soprattutto in estate ed autunno quando il peso dei frutti può provocare scosciature dei rami e lesioni ai frutti stessi. I terreni più idonei alla coltura sono quelli di medio impasto, profondi e ben drenati anche se può adattarsi a quelli argillosi. In relazione alle caratteristiche chimiche del suolo, il kaki si adatta a terreni sub-acidi e sub-alcalini, tollerando alti contenuti di calcio, mentre rifugge gli eccessi di sali di sodio e di boro.

PIANTA. E’ un albero di lento accrescimento, molto longevo che raggiunge e talvolta supera i 10 m di altezza nelle cultivar più vigorose. Il tronco si presenta dritto con corteccia di colore grigio scuro, solcato da numerose screpolature irregolari. Le branche sono generalmente erette con andamento sinuoso, piuttosto fragili. I rami sono
di colore marrone o grigio, con numerose lenticelle chiare, ed hanno portamento eretto o ricurvo. Si sviluppano dalle gemme miste ed i giovani germogli portano all’ascella delle foglie i fiori, per cui il kaki fruttifica sui rami dell’anno.

FOGLIE. Sono caduche di forma ellittica od obovata, di colore verde lucido sulla pagina superiore, verde chiaro talvolta argenteo sulla pagina inferiore. Il lembo è generalmente ondulato ed il margine è intero.

FIORI. La specie può essere ritenuta monoica in alcuni casi, dioica in altri e poligamo dioica in altri ancora, in quanto le diverse cultivar possono portare fiori femminili (pistilliferi), maschili (staminiferi) e completi (ermafroditi). I fiori femminili (per sterilità degli stami) sono uniflori, di dimensioni notevoli e caratterizzati alla fioritura da un voluminosi calice quadrilobato, di colore verde chiaro. La corolla è costituita da un tubo corollino di quattro petali uniti alla base e liberi superiormente, di colore bianco-giallognolo. L’androceo è composto da otto stami le cui antere sono atrofizzate. Il gineceo è composto da un ovario globoso costituito da otto logge ovariche, dallo stilo quadripartito e dallo stimma che termina assai frastagliato. I fiori maschili (per aborto) ovarico sono ascellari, di norma triflori; più piccoli rispetto ai femminili, sono costituiti da calice quadrilobato e corolla tubiforme, con petali saldati alla base e liberi superiormente. L’androceo è composto da circa venti stami, con altrettante antere ben sviluppate e ricche di polline. Il gineceo è atrofizzato e costituito da un piccolo mucrone arrotondato. I fiori ermafroditi possono essere solitari o trovarsi in infiorescenze triflore, di cui solo il fiore centrale è ermafrodita, mentre i laterali sono maschili. L’impollinazione è di tipo entomofilo.

FRUTTO. E’ una bacca, la cui forma varia da molto piatta a molto allungata con prevalenza della forma arrotondata. Il colore della buccia a maturazione di raccolta è giallo più o meno aranciato nella maggior parte delle cultivar, mentre diviene rossastro in altre. In sezione trasversale sono evidenti otto logge ovariche che possono essere provviste di semi (uno per loggia) in numero variabile a seconda del grado di fecondazione raggiunto. Il colore della polpa va dal giallo-aranciato, talvolta anche rossastro, nei frutti partenocarpici delle cultivar "variabili alla fecondazione" ed in quelli sia fecondati che partenocarpici delle cultivar "costanti alla fecondazione" al rosso-marrone o bronzeo in quelli fecondati nelle cultivar "variabili alla fecondazione".

CULTIVAR. I principali caratteri distintivi riguardano la biologia fiorale (presenza e distribuzione dei fiori maschili,
femminili ed ermafroditi sull’albero) e le caratteristiche organolettiche dei frutti alla maturazione di raccolta in funzione della fecondazione. Le classificazioni più note distinguono le cultivar di kaki in astringenti e non astringenti alla raccolta. Le prime sono astringenti alla normale epoca di raccolta e diventano eduli soltanto dopo l’avvenuto ammezzimento, mentre le seconde sono eduli già alla normale epoca di raccolta. Ciascun gruppo, in base agli effetti dell’impollinazione, è stato suddiviso in due sottogruppi: cultivar costanti alla fecondazione e cultivar variabili alla fecondazione rispetto all’astringenza del tannino. Il gruppo delle costanti alla fecondazione non presenta alcun cambiamento di colore della polpa; mentre il gruppo delle variabili può presentare la polpa di colore chiaro, se il frutto non è fecondato (partenocarpico), e la polpa di colore scuro, se il frutto è fecondato. Quando la fecondazione è insufficiente (uno o due semi), la modifica del colore della polpa interessa soltanto l’area prossima ai semi, mentre la restante parte rimane chiara.

Le cultivar vengono quindi distinte in:

- Costanti alla Fecondazione Non Astringenti (CFNA); Pollination Constant Non Astringent (PCNA): cultivar con frutti non astringenti alla raccolta, indipendentemente dalla presenza di semi (kaki dolce). La polpa è chiara e i frutti sono eduli fino dalla raccolta (sodi), indipendentemente dalla fecondazione (detti Kaki MELA : "Fuyu", "Jiro", "Hana Fuyu", "O’Gosho" ecc.).

- Costanti alla Fecondazione Astringenti (CFA) - Pollination Constant Astringent (PCA): cultivar con frutti astringenti, indipendentemente dalla presenza di semi. La polpa è chiara e i frutti sono eduli soltanto dopo l’ammezzimento. ("Rojo Brillante", "Hachiya", "Atago", "Yokono", ecc.).

- Variabili alla Fecondazione Non Astringenti (PVNA); Pollination Variant Non Astringent (PVNA): cultivar non astringenti, se fecondati. La polpa è scura e provvista di uno o più semi. Non sono eduli alla raccolta se partenocarpici, richiedendo in tal caso l’ammezzimento del frutto ("Kaki Tipo", "Vaniglia", "Nishimura Wase", "Shogatsu", ecc.).

- Variabili alla Fecondazione Astringenti (VFA); Pollination Variant Astringent (PVA): cultivar con frutti astringenti, anche se fecondati. Non astringenti solo attorno ai semi. Il numero dei semi anche se elevato, non determina mai la completa edulità della polpa ("Aizumishirazu", "Hiratanenashi", ecc.).

PROPAGAZIONE. Il kaki viene propagato per innesto (generalmente a marza) impiegando portinnesti da seme, in quanto non esistono ipobioni clonali data la scarsissima capacità rizogena del kaki e delle specie ad esso affini. In Italia il kaki viene innestato sul loto (D. lotus L.), data la sua resistenza al freddo, ma ciò comporta talvolta dei problemi di non totale affinità, assai accentuata nelle cultivar CFNA. Nel vivaismo frutticolo si sta affermando l’impiego del franco di piede (semenzali di D. kaki L.f.). Talvolta viene usato come portinnesto anche il D. virginiana L.

USI. I frutti del kaki sono destinati principalmente al consumo fresco e raramente alla trasformazione industriale (essiccazione). Prodotti artigianali di kaki essiccato (a fette o interi) sono comunque molto apprezzati dai consumatori. Prove iniziali di liofilizzazione dei frutti affettati hanno dato risultati incoraggianti. I frutti delle cultivar "costantemente non astringenti" rispondono meglio delle altre alle esigenze della commercializzazione e del consumo fresco. Le cultivar "variabili non astringenti" se impollinate producono frutti da consumo fresco, se partenocarpiche, occorre attendere l’ammezzimento della polpa per ridurre l’astringenza. Le "costantemente astringenti" per poter essere consumate fresche devono essere necessariamente sottoposte a trattamento chimico e termico per eliminare l’astringenza della polpa, che diviene però rapidamente molle, riducendo il periodo di commercializzazione. Il kaki viene spesso utilizzato come pianta ornamentale per la bella colorazione verde lucido delle foglie durante il periodo estivo e per i frutti di colore rosso aranciato presenti sull’albero spoglio nel tardo autunno.

Valori nutrizionali e Proprietà

Il kaki è un frutto particolarmente calorico e dal basso potere saziante. Questa ragione lo rende adatto agli sportivi o ai più piccoli, mentre è da sconsigliare per chi soffre di diabete, di fegato o ha problemi di obesità

100g di kaki (70/80 Kcal) contengono: 0,58 g di proteine; 0,19 g di grassi; 18,59 g di carboidrati; 80% d’acqua;

Il frutto contiene inoltre vitamina A, vitamina C, potassio, betacarotene e una notevole quantità di zuccheri. Ha proprietà diuretiche e lassative.

Note e curiosità

Il kaki era noto in Cina come albero dalle 7 virtù: lunga vita, assenza di nidi di uccelli tra i rami, grande ombra, non attaccabilità da parte dei tarli, possibilità di giocare con le foglie quando il ghiaccio le indurisce, nutrimento fornito al terreno dalle foglie della pianta, possibilità di far uso delle foglie per ricavarne un fuoco.

In Italia la tradizione vuole che il primo albero di kaki sia stato piantato a Firenze nel 1871, nel giardino di Boboli.