Accetto!

Questo sito utilizza i cookie di terze parti per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo. Cookie Policy

Caricando...

La Calluna vulgaris

Callune fiorite

Famiglia: Ericaceae
Genere: Calluna
Specie: C.vulgaris / sin. Erica vulgaris
Nome comune: Brugo

Ultimamente mi sono capitati parecchi clienti che non conoscono la Calluna e diversi erano convinti che non superasse l'inverno! Nulla di più falso, anzi è proprio una delle ericaceae più resistenti al freddo, da non confondersi con Erica gracilis, venduta spesso nei supermercati, che invece non sopporta temperature troppo basse e va ritirata, almeno in nord italia.

La Calluna vulgaris è un arbusto sempreverde che cresce nelle brughiere acide e nelle praterie di eriche, dall'Europa settentrionale e occidentale alla Siberia, Turchia, Marocco e Azzorre.
Predilige posizioni soleggiate, aperte, in terreni ben drenati, ricchi di humus e acidi. Le sue patologie infatti derivano tutte da condizioni di ristagno o mancanza di aerazione e sono: Botrytis (muffa grigia), Phytophtora e Rhyzoctonia in condizioni calde e umide.
Richiede un buon apporto di acqua e per questo motivo se il terreno non è quello giusto o non vi è una buona ventilazione, può avere dei problemi.
Assolutamente resistente al freddo: -20°C. o meno in condizioni ideali.

Spesso viene confusa con il genere Erica, ed ha le stesse esigenze di esposizione e terreno, oltre ad assomigliarci come vegetazione, ma ad uno sguardo più attento si puo notare come il fogliame sia squamato e non aghiforme, inoltre le corolle ed i calici dei fiori (nel suo caso di uguale colore) sono tetralobati anzichè pentalobati.

I suoi rami lignificati venivano usati per produrre scope, per via della loro flessibilità.

Fa una stupenda fioritura nel periodo autunnale, quando vi sono pochi fiori, per questo motivo e molto cercata dalle api che ne suggono il nettare e producono un miele aromatico dalla insolita consistenza gelatinosa.

Ottima nei rocciosi, nelle aiuole e come bordura. Si può potare e foggiare in forme geometriche, se preparate bene il terreno e non vi dimenticate d'innaffiare è una pianta molto facile e rustica.
Un consiglio: potatela dopo la fioritura o ad inizio primavera, rimarrà più compatta e la fioritura seguente sarà nettamente più abbondante.

Vengono vendute anche delle Callune "dipinte" in colori improbabili come il blu, L'arancione ed il giallo. Di cultivar ne esistono più di 500, con fiori anche doppi, ma le sfumature naturali vanno dal bianco puro a tutte le tonalità di rosa fino al rosso scarlatto. Le altre sono in realtà a fiore bianco, quindi l'anno seguente sarà questo il colore che avranno.