Accetto!

Questo sito utilizza i cookie di terze parti per garantire una migliore esperienza sul sito. Continuando a navigare acconsenti al loro utilizzo. Cookie Policy

Caricando...

Lo ZYGOPETALUM - Scheda

Zygopetalum

LO ZYGOPETALUM

Lo Zygopetalum è un Orchidea facilmente distinguibile dalle altre per i suoi petali e sepali verdi maculati di macchie scure, porpora-marroni, che mettono in risalto il grande labello inferiore.
Infatti questo è l'unico elemento di colore diverso, che è di base bianco, ma con macchie e striature porpora-blu che possono essere più o meno fitte, fino a colorarlo anche del tutto.

IL GENERE: comprende 20 specie, la maggior parte delle quali proviene dal Brasile. Sono perlopiù terrestri, che producono pseudobulbi arrotondati, con lunghe foglie molto strette.

LE ESIGENZE: sono piante da serra intermedia (10-15°C.), che richiedono buona luminosità e molta umidità nelle radici nel periodo di crescita.
Molto importante è anche la circolazione dell'aria attorno alla pianta quando il tasso di umidità è elevato, perchè altrimenti le foglie si macchiano rapidamente; PER QUESTO MOTIVO NON DEVONO MAI ESSERE SPRUZZATE.

Le specie più diffuse in commercio sono:
Zygopetalum intermedium o Mackayi ;
Zygopetalum crinitum (molto simile ma con macchie più scure).
Entrambe molto profumate, producono fiori che durano 4 o 5 settimane.

CONCLUSIONI: lo sapevate che non dovevate spruzzarle? Ovviamente non è una regola per tutte le orchidee, anzi, inoltre quando dico che sono "terrestri" non mi riferisco al pianeta, ma al fatto che in natura spesso vivono a terra, non su altri alberi. Tuttavia, noi le coltiviamo bene in vaso usando corteccia più fine rispetto ad una classica Phalaenopsis, e magari con aggiunta di sfagno, o torba.

Un saluto dagli omini ridenti con la barba blu (mio figlio le ha definite così)
29 Gennaio 2014                                                                 Ivano Savegnago

 

Commenti

Nessun messaggio trovato

Nuovo messaggio

Digita i caratteri che vedi nell'immagine qui sotto.